Cos’è la Legge di Attrazione?

La definizione più semplice e pertinente è che secondo la Legge di Attrazione

il simile attrae il simile

parlando di vibrazioni diciamo che la

vibrazione è attratta da vibrazioni simili.

generositàSappiamo ormai con certezza che viviamo in un Universo vibrazionale dove tutto è energia anche, e soprattutto, i nostri pensieri.

 

Quando un pensiero è ripetuto gli diamo molta più energia e facciamo aumentare le coincidenze relative nella nostra esperienza. È capitato a tutti di sentire o leggere o desiderare qualcosa e poi cominciare a notarlo dappertutto.

Questo processo è chiamato Legge di Attrazione. Di solito sperimentiamo nella nostra vita i suoi effetti senza quasi accorgercene, quasi subendo passivamente gli effetti di questa Legge che, Attenzione!, è sempre precisa e ci propone una realtà in linea con i nostri pensieri.

Possiamo quindi imparare ad utilizzare la Legge di Attrazione e realizzare una realtà che sia a nostro vantaggio?


Come meravigliosamente descritto nel libro The Secret… Sì. È chiaro che questo è possibile, ma per potere fare ciò dobbiamo fare attenzione a due cose:

  • quello che pensiamo
  • che emozioni proviamo quando lo pensiamo.

I pensieri vibrano e così anche le emozioni. Per poter creare quello che vogliamo pensieri ed emozioni devono corrispondere ed essere allineati tra loro ma devono anche essere allineati alla nostra etica personale e alla nostra missione.

L’etica personale è l’insieme dei valori che sono radicati in noi mentre la missione è ciò per cui facciamo l’esperienza nella nostra vita.

Se l’etica personale ha, per esempio, come valore la famiglia e quindi la necessità di pranzare tutti insieme, di passare più tempo possibile con i figli e così via, la missione deve essere in linea con tale valore per poter essere realizzata. Mettiamo il caso che la missione sia fare volontariato nelle zone depresse dell’India… È facile capire che non potrà mai essere realizzata finchè la nostra etica personale mette la famiglia e il tempo da passare in famiglia al primo posto. Il nostro inconscio provvederà a sabotare tutte le iniziative volte a farci arrivare in India!! (Un esempio è proprio quando non ci svegliamo in orario e perdiamo l’aereo o rimaniamo bloccati in ascensore o in un gorgo ecc…). Se è vero che creiamo la nostra realtà vuol dire che creiamo proprio tutta la nostra realtà intoppi compresi!

Il ruolo delle emozioni

Teniamo presente che esistono due categorie di emozioni: le emozioni che ci fanno stare bene e le emozioni che ci fanno stare male.

Quelle che ci fanno stare bene ci indicano che quello che stiamo pensando corrisponde vibrazionalmente a quello che vogliamo, quindi siamo allineati secondo tutti i parametri che abbiamo visto.

Le emozioni che ci fanno stare male ci indicano che quello che stiamo pensando è vibrazionalmente opposto a quello che vogliamo, qualcosa in noi ci sta dicendo che non va bene la realtà che crediamo di volere e che stiamo vivendo.

Conoscendo il  funzionamento della Legge di Attrazione possiamo usare le nostre emozioni per sapere quello che i nostri pensieri stanno creando a livello inconscio e, se necessario, cambiare la loro direzione.

Quindi non bisogna demonizzare le emozioni negative e neanche accettarle passivamente come qualche strana punizione o altro ma è necessario trattarle per quello che sono:

indicatori del nostro inconscio che ci mettono a conoscenza che qualcosa va cambiato.

Voglio o NON voglio?

Altra cosa da ricordare è che l’Universo riconosce solo il positivo perchè interpreta le vibrazioni e il Non è solo una particella che anticipa qualcosa che vogliamo evitare. Ma vibrazionalmente noi siamo sintonizzati proprio con ciò che non vogliamo ed è quello che ci verrà proposto come realtà. Infatti stiamo pensando a ciò che non vogliamo e stiamo dando energia proprio a quello facendone aumentare gli effetti in un circolo continuo.

Sappiamo bene che focalizzarci su un obiettivo ci porta velocemente proprio verso quell’obiettivo. Ma se l’obiettivo è:

(Non) voglio lavorare in quella fabbrica,

(Non) voglio avere il cancro,

(Non) voglio pagare le bollette,

togliendo il NON è facile capire che avrete esattamente ciò… CHE NON VOGLIAMO!!!!!

Un simpatico trucchetto è scrivere su un motore di ricerca come Google la frase o il pensiero che abbiamo in mente.

Proviamo a scrivere non voglio lavorare in fabbrica

Appariranno all’istante centinaia di siti che parlano, (indovinate di cosa?), proprio di fabbriche!

Invece sappiamo tutti che per cercare qualcosa su un motore di ricerca dobbiamo scrivere la parola chiave.

Ed è lo stesso con la ricerca di ciò che vogliamo si manifesti come nostra realtà!

(Non) voglio lavorare in quella fabbrica, diventa Voglio lavorare come … (manager, estetista, architetto…)

(Non) voglio avere il cancro, diventa Voglio essere sano

(Non) voglio pagare le bollette, diventa Grazie per il servizio che ho ricevuto e per il quale ora sono felice di pagare la mia quota.
Le emozioni da utilizzare se vogliamo un cambiamento che sia in linea con noi e il nostro profondo sono: Amore e Apprezzamento. Focalizzarsi su quello che c’è di buono nella nostra situazione corrente comincerà a cambiare la vibrazione che offriamo e puntarla nuovamente nella direzione di ciò che vogliamo.Cominciare a vedere cosa c’è di buono in ogni situazione ci spinge a cercare altre cose buone e l’Universo risponderà facendocele trovare.

Nel caso degli esempi riportati sopra è necessario che pensiamo ai vantaggi di questo lavoro in fabbrica senza rassegnarsi a lavorare per sempre lì. Semplicemente diventa un punto di partenza per migliorare.

  • Accettiamo il fatto di lavorare lì temporaneamente
  • cerchiamo di capire quali sono i vantaggi di questo lavoro (i soldi, l’esperienza, la vicinanza a casa o ai mezzi di trasporto….)
  • facciamo il lavoro al meglio delle nostre possibilità dando il nostro contributo alla fabbrica
  • cerchiamo di migliorarci mentre facciamo questa esperienza, studiando, frequentando corsi di nostro interesse, dedicandoci, fuori dal lavoro, a ciò che ci fa stare bene.

Questo cambierà il focus, dando energia a ciò che è positivo facendo crescere le coincidenze che ci porteranno proprio dove vogliamo andare o che ci faranno diventare ciò che vogliamo essere.

Quindi analizzate ogni pensiero partendo proprio dall’emozione che provate nella realtà manifestata.

È il primo passo per Conoscere noi stessi e Conoscere noi stessi è l’unico modo per utilizzare a nostro vantaggio la Legge di Attrazione

Abraham dice che il metabolismo regola quello che va dentro al corpo e l’energia che ne riceveremo da esso. E questo viene fatto minuto per minuto, in risposta a come ci sentiamo. Per cui, per avere un metabolismo che funzioni meglio, dobbiamo puntare a sentirci bene in modo constante. Possiamo farlo visualizzando scenari che ci fanno stare bene. E se qualcuno ci dice di smetterla dilegge di attrazione sognare ad occhi aperti e di guardare la realtà, possiamo dirgli che “la realtà non è importante, in quanto è solo un momento nel tempo che continuiamo a ripetere”.
Io scelgo di guardare la realtà che mi fa sentire bene!
Judith
E io posso solo essere d’accordo e condividere il libro dei Maestri della Legge di Attrazione!

Vedi anche l’articolo su  Ho-oponopono 

Appartieni ad un’Associazione o ad un Centro Benessere o fai semplicemente parte di un gruppo di amici curiosi e vuoi organizzare un Workshop di EFT nella tua città o nel tuo paese? Chiama il numero 328/1995056 oppure compila il form per essere contattato.
Per partecipare ai gruppi settimanali di EFT a Lecce e Provincia o per info chiama il numero 328/1995056 oppure compila il form per essere contattato.
[contact_form]
Nota importante
EFT è una tecnica per il benessere psico-fisico e non intende in nessun modo sostituire pratiche mediche o psicologiche che sono di pertinenza di medici e psicologi.